Fino al 15/02, usa il codice adv15 per ottenere lo sconto del 15% sui corsi VINE PRUNER Advanced.

Risposte/Answers – Webinar 05/03/2022

  • Risposte/Answers – Webinar 05/03/2022

  • TEAM VMP ACADEMY

    Organizer
    15 Marzo 2022 at 11:17

    Gabriele 16:14

    D – la gemma bourillon crescendo cosa diventa e cosa ne facciamo.Grazie

    R – Il bourillon può essere fertile, e può produrre un tralcio ed anche uva a seconda della varietà. Su varietà in cui è fertile è pensabile impiegare il bourillon ed una gemma franca sullo sperone (attenzione a mettere sempre un internodo che consenta uno spazio sufficiente tra le due gemme, se non c’è meglio che usi la prima e la seconda gemma franca).

    A- the bourillon bud growing what it becomes and what we do with it.Thank you

    Q -The bourillon can be fertile, and can produce a shoot and also grapes depending on the variety. On varieties where it is fertile you can use the bourillon and a 1st bud on the spur (be careful to always put an internode that allows sufficient space between the two buds, if it is not enough it’s better to choose 1st and 2nd bud).

    Stefan Schweisgut 16:18

    D – Nelle mie viti, di solito c’è una distanza di circa 2 centimetri tra la prima e la seconda gemma. Devo quindi utilizzare sempre il tralcio più basso e cresco quindi sempre di un pezzettino di legno. Dovrei usare sempre la gemma basale e la prima gemma?

    R- La lunghezza degli speroni è anche legata alla fertilità delle gemme, che è un carattere genetico. Se i tralci sono ben sviluppati puoi potare con 2 gemme franche, nel modo che hai descritto. Se i tralci sono sottili e l’internodo è lungo dovresti ridurre la lunghezza dello sperone. In questo caso, dovresti potare a 1 gemma franca.

    A – In my vines, there is usually a distance of about 2 centimeters between the first and second bud. I must therefore actually always use the lower cane and therefore always have a piece of the cone standing. Should I therefore always use the basal bud and the 1st bud?

    Q – Spur lenght is connected also to the buds fertility, and it’s a genetical characteristic. If the canes are well developed you can prune with 2 latent buds, in the way you described. If the canes are thin and the internode is long you should reduce the spur length.In this case, you should prune keeping the 1st bud and the basal bud.

    ROCCO 16:42

    D – Come si può evitare, se possibile, l’assottigliamento apicale dei punti vegetativi del cordone speronato? Ho notato specie nella mia zona (salento – alto salento) che molti punti vegetativi di una decina di anni soffrono nella zona apicale di un notevole assottigliamento

    R – Cosa intendi per assottigliamento? Se i tralci che si sviluppano sono sottili, devi evitare speroni troppo lunghi (ad esempio a 2 gemme franche), ma potare più corto. Se così fosse probabilmente ti trovi di fronte a soggetti a basso vigore. Dovrai probabilmente ridurre il numero di germogli che sviluppi dai medesimi. Potresti anche pensare di avere dei punti che portano un solo germoglio ben conformato, anziché due sottili. Il tralcio da mantenere dovrà essere quello che solitamente utilizzeresti per la crescita dei punti vegetativi.

    A – How can we avoid, if possible, the apical thinning of the vegetative points of the spurred cordon? I have noticed, especially in my area (Salento – Alto Salento), many vegetative points about ten years old suffer from a considerable thinning in the apical area.

    Q – What do you mean by thinning? If the shoots developing are thin, you should avoid too long spurs (for example at 2 buds),and you should prune shorter. If so, you are probably dealing with low vigor plants. You will probably have to reduce the number of shoots you develop from them. You may also have vegetative points with one well-formed shoot, rather than two thin ones. The shoot you should keep will be the one you would usually use to raise up the vegetative points.

  • Rocco

    Member
    15 Marzo 2022 at 13:13

    Gentile Staff grazie per la risposta! per “assottigliamento dei punti vegetativi” intendevo il progressivo assottigliamento dei punti vegetativi del cordone speronato. Questi punti vegetativi con il passare degli anni tendono a diventare molto sottili e magri nella parte apicale. Non conosco le dimensioni dei tralci che sviluppano perché non sono le mie piante ma ho notato da lontano che durante le potature i tralci vengono lasciati abbastanza lunghi e di sicuro con almeno 3 gemme.. La vostra risposta mi fa comunque capire che non superando in potatura le 2 gemme mi aiuterà a mantenere ben vigorosi i punti vegetativi dei miei futuri cordoni speronati!

    • TEAM VMP ACADEMY

      Organizer
      15 Marzo 2022 at 16:25

      Esatto rocco.

      In generale punti vegetativi poco sviluppati in diametro significa che sono cresciuti molto rapidamente per il diametro dei tralci che avevano, non riescono dunque a ingrossare. Ciò è dovuto ad una insufficiente portata del flusso linfatico. In generale tralci sottili non daranno luogo mai ad una crescita diametrale se la lunghezza del legno è eccessiva.

      Dunque: tralci di basso vigore, sottili ed internodi lunghi, devono essere potati con speroni più corti, e ridurre la crescita per anno.

      Ovviamente tutto ciò deve tener conto anche della fertilità delle gemme (caratteristica varietale)

  • gewponos97

    Member
    16 Marzo 2022 at 18:30

    Good afternoon,

    During the recorded webinar it was mentioned that some varieties are susceptible to cross cuts..Can you elaborate a bit more on which varieties are susceptible and what does this mean for the pruning applied?

    • TEAM VMP ACADEMY

      Organizer
      22 Marzo 2022 at 13:31

      Dear Gewponos97,

      The sensibility in varieties is only one factor of predisposition. Some varieties seems to be more sensible on esca complex disease. Scientific works suggest that it can be connected to the variety and the combination rootstock-variety. For Example:

      – Red Varieties :

      More sensible : Primitivo, Rebo, Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc, Pinot Noir,

      Medium sensible : Sangiovese,

      Less sensible : Sirah, Merlot, Nebbiolo, Aglianico…

      -White varieties :

      More sensible : Sauvignon Blanc, Riesling, Muller Thurgau, Viogner.

      Medium sensible : Chardonnay, Trebbiano

      Less Sensible : Pinot Blanc, Fiano, Grechetto, Greco

      You can read about that in the work:

      Effects of grapevine cultivar, rootstock and clone on esca disease – S. Murolo, G. RomanazziPublished 22 February 2014BiologyAustralasian Plant Pathology”

      and this review is interesting:

      Review
      Grapevine, esca complex, and environment: the
      disease triangle
      Michael FISCHER1,*, Samira PEIGHAMI ASHNAEI2

Log in to reply.

Original Post
0 di 0 posts June 2018
Now